Ultime Notizie Milan: ora Galliani punta al riscatto di Taarabt e Rami

Il Milan gongola dopo la bella vittoria di Genova contro la Sampdoria di mister Sinisa Mihajilovic: i rossoneri sembrano aver messo da parte quella crisi di risultati e di gioco che con Allegri stava addirittura facendo pensare ad un rischio retrocessione da non sottovalutare assolutamente, ma adesso le cose cambiano e la corsa per l’Europa League potrebbe riaprirsi e vedere l’undici di Seedorf favorito. Protagonisti del successo contro i blucerchiati, i due calciatori di stampo marocchino, Adil Rami ed Adel Taarabt.

Per entrambi il Milan dovrà esercitare a fine campionato il riscatto in caso voglia confermarli: le prestazioni dei due e soprattutto il basso costo di entrambe le operazioni potrebbe favorire la permanenza di entrambi, già entrati nel cuore dei tifosi rossoneri e soprattutto importanti nello scacchiere di mister Seedorf che da loro ripartirà in vista del prossimo campionato. Per l’ex difensore del Valencia, che sta mostrando anche buone capacità realizzative, sono circa 7 i milioni da versare al Valencia per la sua conferma in rossonero: appare facile pensare che Galliani provveda alla chiusura anche prima della fine del campionato, anche perché Rami non ha alcuna intenzione di tornare a Valencia dove viveva da separato in casa fino allo scorso ottobre.

Discorso simile per Taarabt, per cui sembra ormai certo il riscatto a fine stagione: 7 milioni anche per lui che è arrivato in prestito dal QPR che però difficilmente potrà convincerlo a dire addio ai rossoneri, seppur si tratti di prestito secco. Dunque il Milan già da ora ha la possibilità di mettere solide basi per il suo futuro, di cui faranno parte i due marocchini: inoltre operazione low cost, considerando che con 14 milioni complessivi molto spesso non si riesce neanche ad acquistare il cartellino di un solo calciatore.

Leggi anche -> Milan, parla l’agente di Taarabt: “Riscatto? Galliani sa che …”

Leggi anche -> Sampdoria-Milan 0-2, lo show di Tiziano Crudeli (VIDEO)

Leggi anche -> Sampdoria-Milan 0-2: cronaca della gara di Marassi