Ventura a Tiki Taka: "Milan, Cerci va capito"

L‘allenatore del Torino, Giampiero Ventura, ha parlato ieri sera ai microfoni di Tiki Taka e si è soffertmato soprattutto sul momento difficile che stanno attraversando i suoi ex “diamanti”, Immobile e Cerci: “Alessio è un giocatore che deve sentire la fiducia e quindi deve essere aiutato, una volta che si creeranno questi presupposti lui ripagherà con i fatti. Ho visto alcune partite del Dortmund e Ciro non gioca come sa fare, la dote di capire come far rendere al meglio un proprio giocatore è una prerogativa fondamentale per un allenatore”. Una precisa analisi del momento non positivo di Ciro Immobile che non rende al meglio, anzi ultimamente è sempre più spesso seduto in panchina. Forse ci si aspettava che questo giocatore potesse aiutare la sua squadra in un momento a dir poco disastroso, invece il Borussia si sta riprendendo senza di lui, ci si augura di ritrovare presto il Ciro Immobile che conosciamo in Italia.

Ventura si è espresso anche su Alessio Cerci che, con la maglia del Milan, non  è stato ancora incisivo: “Credo che ogni giocatore di talento vada capito a pieno per poterlo far crescere, tempo fa mi chiamò un contatto del Barcellona e io gli dissi che l’atletico Madrid non è squadra per Cerci, ma il Milan può essere un occasione se solo riuscisse a trovare continuità”. L’attaccante rossonero non sta per niente soddisfacendo le aspettative di mister Inzaghi che ha voluto fortemente il suo arrivo al Milan, ma che adesso con l’ulteriore cambio di modulo non trova più tanto spazio.

Ovviamente si è parlato anche di Torino: “Siamo in un momento positivo e la vittoria con il Napoli ci ha dato ancora più carica, le dichiarazioni di Benitez non le ho capite, e se mi fossi lamentato io l’anno scorso per tutti gli errori arbitrali contro il Napoli non ne saremmo usciti più. E’ stato difficile trovare un equilibrio dopo le numerose partenze, ma per fortuna sembra che lo abbiamo trovato, stiamo crescendo e abbiamo più maturità e lo stiamo dimostrando in campo”.

Leggi anche: