Verona-Inter, Palacio: "Gara difficile ma noi vogliamo continuare a fare bene"

Rodrigo Palacio, attaccante argentino 32enne dell’Inter, fresco di rinnovo contrattuale con il club del presidente Thohir che lo legherà ai nerazzurri fino al 2016, ha parlato ai microfoni di Inter Channel, il canale ufficiale della società, tra le altre cose anche delle sue impressioni in vista del match dell’anticipo della 28esima giornata di serie A tra Verona e Inter, in programma domani sera alle 20.45 allo stadio Bentegodi.

Questo il pensiero del Trenza che non si sbilancia sulla partita di domani contro i gialloblù:Speriamo di fare una grande gara. È difficile, loro giocano bene ma noi vogliamo andare avanti e continuare a fare risultati positivi”Vola basso Palacio, consapevole della forza e della pericolosità dei veneti che hanno in Luca Toni un’arma in più. Finora infatti l’attaccante campione del mondo nel 2006 con la Nazionale Italiana ha realizzato ben 13 reti con il Verona, piazzandosi al terzo posto della classifica cannonieri.

Palacio finora non è stato da meno, visto che con i suoi 12 centri in campionato ha retto il peso dell’attacco nerazzurro per tutto il girone d’andata e nonostante negli ultimi tempi stesse tirando comprensibilmente un pò il fiato, è andato a segno nella sfida casalinga di domenica scorsa contro il Torino e prima ancora nella grande vittoria esterna dei nerazzurri al Franchi contro la Fiorentina, in cui lui e Icardi siglarono il definitivo 2-1.

La sfida tra i due bomber si completa con i numeri dell’ariete italiano: nelle ultime 5 partite è andato a segno 3 volte contro Livorno, Torino e Juventus. Ma ad avere l’ultima parola è ancora una volta Palacio che all’andata entrò nel tabellino del match siglando il momentaneo 1-0 in quella che sarà poi stata la vittoria dell’Inter per 4-2.

Insomma le premesse per una sfida ad alto contenuto tecnico e spettacolare ci sono tutte. Adesso spazio ai bomber.

Leggi anche –> Verona-Inter, Bentegodi sold out per la sfida con i nerazzurri

Leggi anche –> Verona-Inter, come arrivano le due squadre al match