Verso Udinese-Milan: analisi della prossima avversaria dei rossoneri

Reduce da un pesante 3 a 0 al Sant’Elia contro il Cagliari, l’Udinese ospita il Milan nell’anticipo di sabato alle ore 18:00. I friulani, che per anni ci hanno sorpreso con exploit in classifica che spesso li hanno condotti in Europa, quest’anno sembrano non aver ingranato la marcia giusta, complici le solite cessioni a peso d’oro che tanta ricchezza hanno portato nelle casse dei Pozzo, ma che con gli anni hanno gradualmente indebolito la rosa.

Va detto, però, che in parte la squadra di Guidolin ha avuto molta sfortuna: contro il Cagliari, ad esempio, la sconfitta è stata pesante, e il giovane portiere Scuffet ha dovuto raccogliere la palla in rete per ben tre volte, ma l’Udinese era messa bene in campo, ha avuto spesso il pallino del gioco ed ha anche avuto diverse occasioni da gol. Ciò che manca, in questo momento, è concretezza sotto rete. Di Natale non è più il killer d’area di qualche anno fa, e Muriel e Nico Lopez, benché di talento, non garantiscono continuità.

L’emergenza in classifica è innegabile e si fa ormai pesante, tant’è che la società friulana, per permettere alla squadra di prepararsi al meglio, ha imposto il ritiro a partire da oggi (martedì 04 Marzo, n.d.r.). Mister Guidolin si è detto in generale contrario al ritiro, ma visto che è una decisione della società “bisogna prenderne atto”.

L’Udinese, quindi, attende i rossoneri con qualche malumore ma con il coltello tra i denti, alla ricerca della “solidità” che, sempre secondo Guidolin, in questo momento manca alla squadra. “Dobbiamo ritrovare solidità e concretezza, fare le cose per bene e non fare regali alle altre squadre. Ora contano solo i risultati” continua Guidolin.Il Milan, a livello di gioco, è in crescita, ma l’Udinese lo aspetta al varco, pronta a giocare con lo spirito di una vera e propria finale.

Leggi anche -> Milan-Parma Biglietti: ecco le info per acquistare i biglietti

Leggi anche -> Allenamenti Milan, differenziato per tre calciatori

Leggi anche -> Primavera Milan, Gori: “Ecco i portieri a cui mi ispiro”