Video – Gattuso, conferenza stampa show in Grecia

Ha ormai fatto il giro del web lo sfogo di Gennaro Gattuso, attuale allenatore dell’OFI Creta in conferenza stampa. Un Gattuso come mai si era visto, reduce di vari soprusi da parte della stampa greca, quelle notizie false sui giornali che alle sue orecchie suonavano come “malakia“, fango buttato sul lavoro duro di una squadra che crede nel suo percorso.

E dopo la vittoria in casa contro 1-0 contro l’Atromitos, giunta come uno spiraglio di luce dopo due sconfitte consecutive dell’OFI, l’allenatore non si trattiene e ai microfoni rivendica la sua onestà professionale“Conosco le difficoltà del club, so tutto. Ma io sono il condottiero di questa barca e non la abbandono, la lascerò per ultimo. Questa è la mia squadra, voglio lavorare perché il calcio è la mia passione. A volte si vince e a volte si perde, ma è troppo facile a 37 anni prendere e andare via. Quello che scrivono sui giornali sono cazzate, shit, malakia”.

L’ex tecnico del Palermo, seguendo le scie di Trapattoni e Malesani, diventa così un cult. Anche i toni, a un certo punto, si fanno più accesi, e sbattendo i pugni sul tavolo, impreca in tre lingue contro la stampa greca e i tifosi maldicenti: “Non siamo il Real, il Barcellona, ma l’OFI. Voglio rispetto per me e per i miei giocatori, per Creta. I want my players play with balls… and heart. Me work 12 hours a day, ma sento malakia everyday. Io voglio il cuore dai miei giocatori e do’ il mio sono qui solo per lavorare. Stampa e tifosi vogliono parlare con me? La mia porta è aperta 24 ore al giorno”.

Nessuna pietà neanche per due dei suoi stessi giocatori“Non hanno rispettato le regole. Mi dispiace, ma le regole valgono per tutti, che siano italiani, cretesi, greci o africani. Non ho la laurea per fare l’insegnante ma ho il patentino di allenatore, e fino a quando ci sarò io le decisioni spettano soltanto a me”. Insomma, chi sbaglia paga.

LA CONFERENZA STAMPA DI GATTUSO

Leggi anche: