Voti Juventus-Napoli 0 – 1: le pagelle degli azzurri

Promossi quasi tutti i partenopei con Koulibaly migliore in campo. Bocciato Milik che non entra mai in partita, mentre poco lucido Mertens.

Tripudio e festa in casa azzurra dopo l’impresa dall’Allianz Stadium. Vincere contro la rivale di sempre nel suo stadio e allo scadere dei 90 minuti, è un motivo di gioia in casa Napoli. I ragazzi di Sarri hanno interpretato al meglio la gara e alla fine la vittoria è stata più che meritata per quanto visto in gara. Un solo punto separa adesso il Napoli dalla Juventus, ma i partenopei hanno dalla loro un calendario più agevole che potrebbe permettere il sorpasso e il sogno scudetto.

DAL NOSTRO NETWORK

    No feed items found.


Le pagelle del Napoli 

Reina voto 6,5. Qualche uscita avventurosa di troppo, ma alla fine controlla bene la gara. Gli attacchi juventini non sono così insistenti e per sua fortuna passa una serata tranquilla e senza troppi pensieri. Sereno.

Hysaj voto 6,5. Partita attenta quella dell’albanese che prima tiene e contiene Matuidi e poi frena le ascese di Douglas Costa. Non soffre quasi mai e gioca una partita tattica praticamente perfetta. Gasato.

Albiol voto 7,5. Timbra e francobolla il numero 9 bianconero costantemente. Non lo fa girare, non si fa saltare nell’uno contro uno e lo anticipa quando può in maniera secca e pulita. Giganteggia in difesa come non si vedeva da un po’. Monumentale

Koulibaly voto 8. Il migliore in campo è sicuramente il centrale senegalese. Come il suo compagno di reparto chiude tutti i varchi e intristisce uno già sfortunato Dybala. Sontuoso nella ripresa quando raddoppia su Cuadrado ed esce palla al piede nelle ripartenze. Gara impreziosita da quel gol allo scadere che trafigge la Juventus e potrebbe spostare gli equilibri di questo campionato. MVP

Rui voto 6,5. Affonda quando può e crea superiorità numerica. La sua tecnica mette in costante difficoltà Howedess che nei primi minuti non ci capisce molto. Duetta bene con Hamsik e Insigne. Per fortuna Ghoulam non viene rimpianto troppo. Devastante.

Allan voto 7. Recupera una quantità industriale di palloni a centrocampo e ci mette la solita indispensabile dose di quantità e sostanza in mezzo al campo. Vince nettamente il duello con Khedira. Cala nel finale per stanchezza. Fondamentale. Rog SV.

Jorginho voto 6,5. Il motore del Napoli è l’italobrasiliano. Se il numero 8 azzurro gira, l’intera squadra sembra un turbo diesel che accelera e decellera a piacimento. Smista palloni con giocate di classe e qualità. Imprescindibile.

Hamsik voto 6,5. Buona gara del capitano napoletano. Sbaglia qualche tiro di troppo, ma è nel vivo dell’azione sempre. Avrebbe meritato la via del gol ma pazienza. I triangoli con Insigne e Rui sono qualcosa di fenomenale e nel tocco di prima si dimostra unico. Zielinski voto 6,5. Ottima prestazione del polacco che entra e disputa una buona gara.

Callejon voto 6,5. L’uomo dell’equilibrio è proprio lo spagnolo. Si propone lì davanti, impegna Buffon, si accentra e raddoppia su Douglas Costa. Un giocatore a tutto campo che cala solo nel finale. Instancabile

Mertens voto 5,5. Il folletto belga è fuori condizione e si vede. Non è mai pericoloso e i due centrali juventini sanno bene come fermarlo. Appare troppo in balia degli avversari e dunque Sarri fa bene a toglierlo. Stanco. Milik voto 5. No decisamente non ci siamo. Lezioso, inconcludente e spesso non si è capito cosa volesse fare con la palla. Da uno della sua qualità ci si aspettava un impatto migliore. Rimandato.

Insigne voto 7. Sulla corsia sinistra è praticamente ovunque. In difesa, a centrocampo, in attacco. Partita di grande tecnica, qualità e quantità giocata dallo scugnizzo napoletano a cui è mancato solo il gol. Monster

Sarri voto 8,5. Il Napoli fa la partita che deve fare: corre, pressa, gioca a calcio e che calcio. La Juventus sembra aver parcheggiato un autobus a due piani dinanzi la porta, fino al momento del gol liberatorio. Se gli azzurri sono arrivati sino a qui molto del merito è di Sarri. Vince una partita tattica e da una sonora lezione ad Allegri: non basta avere i campioni se il gioco latita.